L’autoemoteca dell’AVIS, l’Associazione Volontari Italiani del Sangue, ha oggi raccolto, in piazza Palazzo di Città a Torino, le donazioni di alcuni consiglieri e consigliere di Palazzo Civico e delle Circoscrizioni. Nell’occasione, i rappresentanti delle istituzioni cittadine hanno lanciato un appello alla cittadinanza per incrementare questa semplice quanto vitale forma di volontariato solidale, alla quale può aderire qualunque adulto in buona salute, dopo i necessari accertamenti da parte dei medici della stessa Avis.

La disponibilità alla donazione da parte di consiglieri e consigliere fa seguito ad una mozione unitariamente approvata in Sala Rossa l’anno scorso, il 22 ottobre dell’anno scorso, che impegnava la Città ad attivarsi per contribuire alla promozione della cultura della solidarietà e del dono.

Torino, è stato sottolineato nel corso della presentazione dell’iniziativa, da sempre rappresenta una delle realtà più importanti a livello nazionale, per quanto riguarda le donazioni effettuate, ma la necessità di sangue ed emoderivati in cliniche ed ospedali è pressante quanto costante, in ogni stagione: in estate come durante le festività di fine anno.

A partecipare all’iniziativa di questa mattina sono stati, oltre al presidente del Consiglio comunale Francesco Sicari, i consiglieri e consigliere comunali Maria Grazia Grippo, Cinzia Carlevaris, Elide Tisi, Daniela Albano, Francesco Tresso, Serena Imbesi e Marina Pollicino, con i consiglieri circoscrizionali Alfonso Badini Confalonieri e Roberto Cermignani.

«È indispensabile – ha spiegato la consigliera del Pd Maria Grazia Grippo, prima firmataria della mozione – dare il buon esempio, che è quello che deve sempre fare un’istituzione sempre. Prima di chiedere di fare qualcosa ai cittadini, come politici dobbiamo dare un segnale».