Sei qui
Biancone e Masciari: quando il centrosinistra resta incantato dalle stelle di Grillo

Biancone e Masciari: quando il centrosinistra resta incantato dalle stelle di Grillo

di Caterina Garda

C’è un pezzo di università che guarda al Movimento 5 Stelle: grazie ai buoni uffici della sindaca Chiara Appendino prima il rettore Gianmaria Ajani e poi il professor Paolo Biancone sono stati accostati al movimento e per loro si è ipotizzata una candidatura.

Ajani ha fatto sapere di essere lusingato dalla proposta ricevuta, ma ha preferito restare alla guida dell’ateneo, mentre Biancone non solo ha accettato di candidarsi, ma in questi giorni ha anche iniziato – almeno sui social – la campagna che lo vedrà contendersi un collegio uninominale. Infatti, la pagina Facebook dell’ordinario di economia si è arricchita di nuove gallery che descrivono l’impegno accademico e presentano alunni famosi come il calciatore della Juventus Giorgio Chiellini. Non solo: è attiva anche una campagna pubblicitaria per aumentare i like della pagina.

ISLAM PUNK

artediamministrare

La candidatura di Biancone rappresenta un vero colpo ad effetto per il Movimento che si assicura un profilo da sempre vicino al centro sinistra, tanto che solo due settimane fa Monica Canalis – consigliera comunale e direttrice della piattaforma formativa del Partito Democratico – l’aveva inserito tra i panelist di un evento per gli iscritti del partito. Ma a quanto si apprende Biancone non andrà in via Masserano al corso di Formazione politica “L’Arte di amministrare” in programma il 27 gennaio. A spiegare il “popular report” al suo posto sarò la collega Silvana Secinaro.

Docente universitario alla Facoltà di Economia e Direttore del Centro di ricerca europeo per la Finanza Islamica Biancone è senza alcun dubbio il candidato della società civile ideale per i grillini torinesi. Il suo è un volto noto almeno per gli addetti ai lavori della politica sabauda. Nel 2014 ha collaborato alla stesura del Popular Financial Reporting 2014, un documento di rendicontazione che mette a disposizione dei cittadini una valutazione economica e dei servizi erogati dalla Città ed ha fornito la sua consulenza anche quando la giunta guidata da Piero Fassino organizzò la prima edizione del Turin Islamic Economic Forum, iniziativa ripresa poi anche da Appendino.

Qualche malumore tra gli attivisti Cinque Stelle intorno al suo nome c’è stato: il suo recentissimo passato da studioso vicino al centro-sinistra, il suo attivismo nel Rotary Club e quell’amore per la finanza islamica non hanno giocato a suo favore, ma come è successo in altri casi la sindaca ha tirato dritto senza raccogliere le critiche provenienti dalla base. Di più, quando è stata attaccata per aver rilanciato il Turin Islamic Forum ha pubblicato sul suo profilo Facebook una video intervista al professore.

Appendino crede molto in Biancone, tanto che si è spesso appoggiata al “prof” anche durante la recente guerra con i Revisori dei Conti. In particolare è con il suo aiuto che l’amministrazione ha risposto duramente al Collegio in occasione del parere negativo al consuntivo per via della non approvazione del bilancio di GTT.

PAZ!

“Fare un passo indietro solo per prendere la rincorsa”, è lo slogan che Biancone che ripete spesso. Lo slogan apparso nei fumetti di Andrea Pazienza (Paz) ma che sarebbe addirittura una citazione di Ernesto Che Guevara. La sua rincorsa, dopo il passo indietro servito per lasciare il centro-sinistra, potrebbe dunque segnare la discesa in campo a fianco del Movimento di Luigi Di Maiopaz
A MASCIARI UN COLLEGIO CON POCHE POSSIBILITA’ DI VITTORIA 

C’è un altro volto della società civile a cui sono interessati i Cinque Stelle ed è quello di Pino Masciari, l’imprenditore calabrese che negli anni 90 denunciò la ‘ndrangheta (dal ’97 lui e la sua famiglia sono sottoposti al programma di protezione). Un simbolo dell’antimafia. Da tempo corteggiato dai grillini, nonostante la sua vicinanza all’associazione Libera di Luigi Ciotti.

masciaridimaioSarebbe stata imbarazzante per lui e per Libera la possibilità di un derby dell’antimafia con Davide Mattiello qualora fossero capitati nello stesso collegio. Ma il derby non ci sarà Derby che non ci sarà in quanto il testimone di giustizia sembra indirizzato al collegio di Chieri-San Mauro. Un collegio difficile per il Movimento con Masciari che rischia di restare (ancora una volta) a bocca asciutta.

(Foto di copertina tratta dal profilo Facebook di Paolo Biancone)

Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Print this pageEmail this to someoneShare on LinkedIn0

Related posts