Renato Graziano

Collaboratore

Rubato in giovane età alla letteratura per gli studi presso il Politecnico di Torino, dopo una vita professionale (come business manager) in una azienda storica torinese (Rivoira) diventata negli anni ottanta una multinazionale americana, è tornato agli amori iniziali come appassionato lettore, consulente editoriale per una casa editrice torinese e recensore letterario dilettante
Erneaux, com’è scomoda la buona memoria

In questo paese si parla molto (a sproposito) di memoria solo quando le giornate celebrative di vere e proprie tragedie lo impongono (dalla recente ricorrenza sulle “foibe” alla Shoah etc.). Come spesso accade sembra prevalere la strumentalizzazione politica del passato ai fini di un presente manipolato, piuttosto che la terapeutica metabolizzazione sincera e collettiva volta […]

/ di Renato Graziano
La Storia in punta di piedi

Non è assolutamente necessario essere conoscitori esperti di danza e di spettacoli coreutici, per apprezzare la “ Piccola Storia della danza” che Beatrice Belluschi, direttrice e animatrice della scuola di danza classica e della compagnia “Il Balletto di Torino”, ha appena pubblicato con Neos Edizioni, casa editrice con la meritoria vocazione di dare spazio e […]

/ di Renato Graziano
Quando il populismo irrompe nella cultura

Viviamo in un tempo politico e sociale in cui sembrano riattivarsi conflitti fra politica e stampa, peraltro mai assenti soprattutto in un paese che non si è mai abituato a considerare la stampa un necessario contropotere rispetto ai partiti, alle lobbies, ai governi in carica. Ma viviamo in questa fase dinamiche ancor più sorprendentemente inattuali […]

/ di Renato Graziano
Il nido perduto di Camilleri

Difficile assai essere sorpresi dai regali natalizi, in particolare se ricevi un libro e sei un lettore “forte” (ehm, c’è in effetti da vergognarsi nell’ auto-dichiararsi tale perché basta superare – sostengono le statistiche di settore – la dozzina di libri all’anno in Italia, per appuntarsi questa immeritata medaglia). Eppure… Ricevendo il pacchettino in azzurro […]

/ di Renato Graziano
Il senso di Winslow per la “neve”

In queste settimane a New York viene processato “El Chapo” Guzman, probabilmente il più importante e spietato narcotrafficante di sempre e sicuramente fra i più ricchi uomini del mondo (41° posto secondo Forbes), con un patrimonio stimato in 14 miliardi di dollari dal solo traffico di droga. Messicano, oggi sessantenne è per la prima volta […]

/ di Renato Graziano
Lehman, nascita e caduta di un mito

In Francia si assegna ogni anno, a cura di un comitato composto dai direttori editoriali delle principali case editrici francesi, il prestigioso  “Prix  peur le meilleur livre etranger “. Nato nel 1948 a cura di un gruppo di amici letterati e sostenuto dal marchio alberghiero Sofitel per premiare il miglior libro straniero tradotto e pubblicato […]

/ di Renato Graziano
McEwan, la poesia ad 8mm

Nella cerchia ristretta dei miglior scrittori inglesi contemporanei, Ian McEwan, assieme a Julian Barnes e Martin Amis, si è conquistato una fama solida e meritata con una bibliografia ricca di titoli e di tematiche che hanno spesso ispirato anche il cinema: sugli schermi in queste settimane se ne possono vedere ben due esempi: “Il verdetto” […]

/ di Renato Graziano
Razzismo, lezioni americane

Ci sono temi che non invecchiano mai, sfortunatamente : il razzismo e l’esclusione dei diversi son fra questi e la cronaca quotidiana ce lo ricorda continuamente. Cinema e letteratura ripropongono periodicamente film e libri  che aiutano a riflettere e a confrontarci con l’orrore. L’anno scorso ad esempio, dopo l’uscita di due film di successo come […]

/ di Renato Graziano