Palazzo di Giustizia

Le notizie che arrivano dal Palazzo di Giustizia “Bruno Caccia” di Torino. Le inchieste della Procura della Repubblica di Torino. I processi.

Articoli in evidenza

/ di A. D.

Inchiesta riciclaggio, Gattuso interrogato a Torino

L’allenatore del Milan, Gennaro Gattuso, è in Procura a Torino per essere interrogato nell’ambito di un’inchiesta per trasferimento fraudolento di valori. Il mister dei rossoneri è stato socio di un’azienda agricola di Gallarate, la Cascina Tre Olmi, fino al 2004, quando fallì. Un’azienda che si occupava di allevamento dei suini e della produzione di insaccati. […]

/ di Andrea Doi

Trasporto disabili, Tundo sotto inchiesta. Esposti anche contro l’ex assessora Patti

Mentre si è aggiudicata nuovamente l’appalto dei trasporti disabili per il Comune di Torino l’azienda pugliese Tundo Spa finisce sotto inchiesta. Il reato ipotizzato dal pubblico ministero Roberto Sparagna è di interruzione di pubblico servizio e riguarda quanto accaduto nei mesi scorsi. Infatti in Procura sono arrivate gli esposti dei genitori dei bambini che utilizzavano […]

/ di A. D.

Appendino in Procura: visita lampo da Borgna

La sindaca Chiara Appendino questa mattina si è presentata in Procura, per una visita lampo al procuratore capo vicario Paolo Borgna. Un incontro durato meno di mezz’ora in cui, secondo quanto riferito dalla prima cittadina, si è parlato di «organico e di Polizia Municipale». Da Palazzo Civico aggiungono che si sarebbe in sostanza trattata di «una visita […]

/ di A. D.

Il killer di Leo condannato, ma libero. Il presidente della Corte d’Appello chiede scusa alla famiglia di Stefano

Il presidente della Corte d’Appello di Torino, Edoardo Barelli Innocenti, ha chiesto scusa alla famiglia di Stefano Leo, assassinato ai Murazzi di Torino il 23 febbraio scorso. Scuse, visto che il reo confesso dell’omicidio, Said Mechaquat, quel giorno avrebbe dovuto essere in carcere, visto che c’era stata una condanna in via definitiva. Invece era libero. «C’è stato […]

/ di A. D.

Pacco bomba alla sindaca Appendino, la Procura apre un’inchiesta

La Procura di Torino ha aperto un’inchiesta per il pacco bomba inviato alla sindaca del capoluogo piemontese Chiara Appendino. I reati ipotizzati dagli inquirenti sono minacce e fabbricazione di materiale esplodente. La busta, che come mittente aveva l’indirizzo “Scuola Diaz, via Cesare Battisti, Genova”, è arrivata a Palazzo Civico lunedì. Sul posto sono intervenuti gli […]