Sei qui
Il Capodanno al chiuso non piace: poche le prenotazioni

Il Capodanno al chiuso non piace: poche le prenotazioni

di Andrea Doi

Il Capodanno 2017 al chiuso per ora non decolla. A pochi giorni dalla fine del 2017 e dell’inizio del 2018 a Torino non sono molte le persone che hanno scelto di passare la notte più lunga dell’anno al Pala Alpitour o allo Spazio 211. Infatti le prenotazioni ad oggi registrano che:

Al “Pala” sui sei mila posti messi a disposizione ci sarebbero – ad oggi 29 dicembre – poco più di cinquecento prenotati. Allo Spazio 211 invece circa un centinaio.

Al Pala Alpitour, al 21 ci saranno Luca Morino, Giorgio Conte e Daniele Lucca che canteranno pezzo di Gipo Farassino e Perturbazione, mentre Federico Sirianni, Chiara Civello e la Banda di Collegno quelle di Fred Buscaglione. Alle 23 sarà il momento di Simone Cristicchi, dopo la mezzanotte Dj Live set di RMC – The Sweet Life Society e DJ Mighty.

Basse le richieste nonostante il costo simbolico di 3 euro, che vanno in beneficenza. Chi vuole assistere allo spettacolo dovrà mostrare all’entrata il tagliando che deve essere ritirato entro il 31 dicembre. L’ingresso allo Spazio 211 è invece gratuito, ma per entrare occorre avere un ticket che può essere ritirato, dal 21 dicembre, nei punti informativi di Turismo Torino, del Comune, e e allo Spazio 211 la sera dell’evento, a partire dalle ore 20. Qui canterà uno dei finalisti di X Factor, Samuel Storm.

Insomma come programma il Comune ha cercato di non deludere nessuno. Peccato che, come detto, i dati che arrivano dalla questura sui due eventi – ripetiamo cinquecento per il Pala Alpitour e poco più un centinaio per lo Spazio 211 – facciano prevedere un flop.

Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Print this pageEmail this to someoneShare on LinkedIn0

Related posts