Sei qui
Avanti un altro…

Avanti un altro…

di Drake

L’ultima genialata di Silvio Berlusconi, che continua pervicacemente a credere di essere un maestro del pensiero della politica italiana, si chiama Sergio Marchionne, cui ha proposto di guidare il centro destra.

In precedenza, il cavaliere disarcionato dal codice penale aveva caldeggiato anche l’ingresso nientedimeno che dell’ultimo superMario di cui mena vanto l’Italia: il presidente della Banca centrale europea Draghi. Suggestioni. Ma l’ultima, come ha scritto il Sole 24 ore, l’amministratore delegato di Fca l’ha bruciato sul nascere, con la stessa o quasi rapidità del finlandese Bottas ai danni del ferrarista Vettel, nella partenza del Gp d’Austria.

Da uomo di mondo, però, Marchionne si è ben guardato dall’inimicarsi il vecchio patriarca di Forza Italia, cui ha riservato in prima battuta un giudizio da gran lisciatore di pelo: «Berlusconi è un grande, ha spiazzato tutti». Ma alla seconda battuta ha sparato un fuori campo da lasciare annichilito il suo interlocutore a distanza: «A capo del centro destra? Io non ci penso per niente, neppure di notte».

In realtà, anche Berlusconi si guarda bene dal pensarci, tantomeno la notte, cui ha sempre dedicato altri pensieri. La tessera numero uno di Forza Italia ha ben altri piani per noi italiani. Draghi, Marchionne o il prossimo con cui conquisterà l’ennesimo spreco di titoli su radio, tv e giornali, sono un passatempo con cui si nutre durante la visione del suo film preferito: Highlander. Lo ricordate? È lo scontro tra immortali, in cui si grida dall’inizio alla fine “Non ne resterà che uno”. Avete capito ovviamente chi?

Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Print this pageEmail this to someoneShare on LinkedIn0

Related posts