di Moreno D’angelo

«Ormai l’abusivismo nella nostra professione non è più un sottobosco. Ci sono in circolazione molte guide improvvisate che non sono in possesso di un’abilitazione che si ottiene con il superamento di un esame di Stato». Lo afferma Emanuele Moroni,  presidente di Gia Piemonte (associazione delle guide turistiche , interpreti e accompagnatori turistici che fa capo all’Ascom). La denuncia avviene in corrispondenza della Giornata internazionale della guida turistica, in programma  domenica 21 febbraio. Professione spesso dimenticata ma che ha un ruolo di primo piano visto  l’importanza del turismo in Piemonte, regione in cui il flusso di turisti è da tempo in costante crescita. E’ quanto ribadisce Maria Luisa Coppa, presidente di Ascom Torino, in occasione della presentazione  dell’iniziativa: «In questi sette-otto anni di crisi, il turismo nella nostra provincia e’ l’unico settore che ha registrato un segno positivo. E’ grazie al turismo che le nostre imprese hanno potuto reggere ad una situazione di grande difficoltà». Coppa definisce il fenomeno dell’abusivismo tra  le guide «una forma di concorrenza sleale da estirpare».

Domenica 21 febbraio a Torino, Avigliana, Racconici e Varallo Sesia le guide turistiche saranno gratuite. Un modo per mettere in evidenza il lavoro di questi operatori fondamentali  nel  presentare  tesori, storia e cultura delle nostre realtà.  «Saper raccontare in più lingue il nostro patrimonio artistico è importante e strategico, soprattutto in un paese come il nostro» conclude la presidente Ascom Torino.
Per festeggiare la loro giornata   domenica  21 febbraio  guide  turistiche gratis  a Torino, Avigliana, Racconigi e Varallo.
La  “giornata Internazionale della Guida Turistica è stata istituita nel 1987 dalla World Federation of Tourist Guide Association. In Italia è promossa dall’Associazione Nazionale Guide Turistiche (A.N.G.T.) mentre per la provincia di Torino, la sua organizzazione è affidata al G.I.A. (Associazione Guide, Interpreti ed Accompagnatori Turistici del Piemonte), in collaborazione con Ascom – Confcommercio di Torino e provincia, Camera di Commercio torinese, con il patrocinio della Città di Torino.

Riportiamo l’elenco dei svariati i itinerari torinesi in programma che spaziano dal  tour classico con tram storico alla visita della Torino contemporanea in bus o alle visite tematiche a piedi (Torino Risorgimentale – Torino Romana e Medievale – Torino Reale e Religiosa). Non occorre prenotare e basta presentarsi 15 minuti prima dell’inizio del giro turistico al punto d’incontro, previsto per tutti gli itinerari in piazza Castello – lato Teatro Regio.

1) Giro classico con tram storico della GTT – motrice verde del 1932 – ( 40 il numero massimo dei partecipanti)
Partenza (ore 10 e 12) da piazza Castello e proseguimento nel centro storico,  Parco del Valentino, corso Cairoli, piazza Castello
Durata: 1 ora e 40 circa
2) Giro  della Torino Contemporanea in bus (40 il numero massimo dei partecipanti).
Partenza (ore 11 e 14) da piazza Castello con direzione Valentino, Lingotto. Vista panoramica su alcuni siti olimpici dalla passerella del Lingotto. Ritorno in piazza Castello attraverso corso Agnelli, Spina 1, piazza Statuto. Possibilità di estensione del tour fino alla Chiesa del Santo Volto
Durata: 2 ore

3) Giri tematici a piedi (25 il numero massimo dei partecipanti per ogni tour)
– Torino Risorgimentale (partenza 0re 10, 11, 12, 15 e 16) Palazzo Madama, piazza e Palazzo Carignano, piazza Carlo Alberto, via Lagrange con Palazzo Cavour e rientro in piazza Castello attraverso piazza San Carlo
Durata: due ore circa
– Torino Romana e Medievale (partenza ore 10, 11, 12, 15 e 16)
Porta Palatina e Teatro Romano, piazza IV Marzo, Chiesa San Domenico, piazza e Santuario della Consolata; rientro in piazza Castello attraverso le vie del Quadrilatero con sosta di fronte a Casa Romagnano
Durata: 2 ore circa
– Torino Reale e Religiosa (partenza 0re 15 e 16)
Una passeggiata “classica” tra i palazzi dei Savoia e alcuni importanti edifici  religiosi
Durata del percorso: 2 ore circa