La Procura di Torino ha aperto un fascicolo modello 45, senza indagati né ipotesi di reato, sul lavoro dei rider. Una indagine esplorativa, che vede come titolare del fascicolo il pubblico ministero Vincenzo Pacileo, sugli aspetti della consegna del cibo a domicilio relativi ala sicurezza e ad eventuali problemi igienico sanitari.

Spetterà agli agenti del reparto radiomobile della polizia municipale torinese svolgere gli accertamenti a campione, fermando alcuni rider per chiedere loro che tipo di attività svolgono per le società che commissionano il trasporto del cibo e come sono organizzati sulle piattaforme. Gli inquirenti vogliono individuare casi di sfruttamento nei confronti dei rider o la presenza di clandestini.

L’inchiesta della Procura del capoluogo piemontese arriva pochi giorni da quella della Procura di Milano.