Sei qui
Chick Corea & Bela Fleck al Gru Village

Chick Corea & Bela Fleck al Gru Village

di Emanuele Rebuffini

Giovedì 13 luglio l’arena del Gru Village ospita il concerto di uno dei più grandi pianisti della scena mondiale, Chick Corea, accompagnato sul palco dai suoni del banjo di Bèla Fleck.

Uno spettacolo fondato su un serratissimo, smagliante, a tratti esaltante, e compiuto dialogo ricco di continui scambi e intrecci, tra brani acustici e altri in versione electric, che nulla fa mancare all’ascoltatore, all’interno del quale sono in bella evidenza i differenti stili dei due: i virtuosismi puntuali, ritmici ed elettrici di Chick e l’imprevedibile, acrobatico funambolismo di Fleck.

Il 13 luglio al Gru Village il grande concerto di Chick Corea e Bèla Fleck
                          Il 13 luglio al Gru Village il grande concerto di Chick Corea e Bèla Fleck

Pianista, tastierista, compositore, Chick Corea è uno dei giganti mondiali del jazz, un vero e proprio mito del pianoforte e delle tastiere, con oltre cinquanta nomination ai Grammy Award, di cui ventidue vinti in carriera (il primo nel 1976), e una sterminata produzione discografica.

Per questo tour in Italia, condivide il palco con Béla Fleck, mostro sacro del banjo, vincitori insieme di un Latin Grammy Award per il miglior Album Strumentale nel 2006, intitolato “The Enchantment”.

Armando Anthony “Chick” Corea Corea (nato a Chelsea il 12 giugno 1941, ma di origini italiane per la precisione di Albi di Catanzaro) è uno dei compositori e pianisti più attivi della seconda metà del ventesimo secolo. E ancora oggi, la sua ricchezza inventiva continua a non conoscere pause. Dall’avanguardia al bebop, dalle canzoni per bambini allo straight ahead, dalla fusion più vigorosa ad una serie di esaltanti incursioni nella musica classica, durante la sua luminosa carriera Chick Corea ha toccato un numero incredibile di generi musicali pur mantenendo uno standard di eccellenza davvero sorprendente.

Pianista, tastierista, compositore, Chick Corea è uno dei giganti mondiali del jazz (nella foto in concerto con Dizzy Gillespie)
     Pianista, tastierista, compositore, Chick Corea è uno dei giganti mondiali del jazz (nella foto in concerto con Dizzy Gillespie)

Dal suo debutto discografico come solista, avvenuto nel 1968 con l’album “Tones for Joan’s Bones” accolto entusiasticamente dalla critica specializzata, Chick Corea è stato all’avanguardia in campo jazzistico sia come pianista capace di esplorare nuovi territori coi suoi gruppi acustici, sia come tastierista elettrico in grado di ampliare e sviluppare le sonorità e il linguaggio della fusion. La sua carriera è contrassegnata da riconoscimenti e premi. Nel 2006 è stato nominato NEA Jazz Master, ottenendo la più alta onorificenza concessa negli Usa ai musicisti jazz. Ha suonato, composto e registrato insieme ai più grandi nomi della musica, come Herbie Hancock, Miles Davis, Bobby McFerrin, DaveWeckl, John Mayer, Pat Metheny e molti altri. Nel 1993 si aggiudica anche la Targa Tenco per la canzone Sicily, interpretata con Pino Daniele.

Quindici volte vincitore del Grammy Award, Béla Fleck è un mostro sacro del banjo
                 Quindici volte vincitore del Grammy Award, Béla Fleck è un mostro sacro del banjo

Straordinario esponente del banjo, icona ed innovatore del jazz, della musica classica e della world music, quindici volte vincitore del Grammy Award, Béla Anton Leoš Fleck (New York, 10 luglio 1958) ha deciso negli ultimi di dedicarsi ad una vasta gamma di esperimenti musicali tra cui l’esplorazione delle radici africane del banjo in duo con Chick Corea.

L’eccezionalità del progetto consiste nel duettare con suoni jazz e banjo a livelli elevati. La loro capacità di improvvisare grande musica rende ogni loro concerto un evento unico ed emozionante.

http://www.gruvillage.com

http://www.chickcorea.com

Home

Nei loro concerti i virtuosismi puntuali, ritmici ed elettrici di Chick si mescolano con l’imprevedibile, acrobatico funambolismo di Fleck
          Nei loro concerti i virtuosismi puntuali, ritmici ed elettrici di Chick si mescolano con l’imprevedibile, acrobatico funambolismo di Fleck

 

 

 

Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Print this pageEmail this to someoneShare on LinkedIn0

Related posts