Sei qui
Supponiamo che…Piero Nuti nella “Tela del ragno” al Teatro Gioiello

Supponiamo che…Piero Nuti nella “Tela del ragno” al Teatro Gioiello

di Emanuele Rebuffini

“Supponiamo che una sera trovi un cadavere in biblioteca…”. Clarissa Hailsham-Brown è una giovane donna con una fervida immaginazione. Una notte, poco prima di ricevere a casa un importante uomo politico ospite del marito, trova nel salotto di casa il cadavere del nuovo compagno della ex moglie del marito, con il quale, poco prima, aveva avuto un acceso diverbio. È l’inizio di una rocambolesca notte ricca di colpi di scena. “La tela del ragno” (Spider’s Web) è una pièce teatrale scritta da Agatha Christie nel 1954, ora in scena al Teatro Gioiello fino a domenica 21 maggio per la regia di Piero Nuti.

Protagonista sul palco del Teatro Gioiello è l’affiatata Compagnia Torino Spettacoli che per anni ha divertito il pubblico con “Forbici Follia”: Simone Moretto, Carmelo Cancemi, Matteo Anselmi,  Elena Soffiato, Domenico Berardi, Elia Tedesco, Giuseppe Serra, Cristina Palermo, Vittoria Bonioli e Gianluca Becchio, in alternanza con Andrea Galimberti. La decorazione pittorica della scenografia è stata curata da Cristina Hong Sang Hee.

"Nella tela del ragno" di Agatha Christie, regia di Piero Nuti, al Teatro Gioiello fino al 21 maggio
  “Nella tela del ragno” di Agatha Christie, regia di Piero Nuti, al Teatro Gioiello fino al 21 maggio

Raffinato e versatile attore e regista, Piero Nuti torna a confrontarsi con il teatro di Agatha Christie dopo lo straordinario successo di “Trappola per topi”, che va in scena ininterrottamente dal 1999 registrando sempre il tutto esaurito.

«In questa stagione mi sono confrontato due volte con Agatha Christie – ci racconta Piero Nuti – prima con “Assassinio sul Nilo”, che è un giallo classico che la Christie adattò per il teatro da un suo precedente romanzo, eliminando il personaggio di Poirot e apportando un po’ di cambiamenti. Ora, invece, curo la regia de “La tela del ragno”, che è l’unico testo davvero divertente di Agatha Christie, direi perfino comico».  «È un testo che ben conosco – aggiunge Piero Nuti – perché negli anni Settanta ho interpretato il ruolo del giudice Hugo Birch nella trasposizione televisiva per la regia di Mario Ferrero. La protagonista femminile, Clarissa, era allora interpretata da una bellissima ragazzina di nome Monica Guerritore. Quella era una messa in scena più seriosa e adatta ai tempi della tv di allora. C’è, però, un filo che unisce le due rappresentazioni, ed è il fatto che la traduzione del testo è di Giuliana Erba. Mentre “Trappola per topi” è una macchina teatrale perfetta che solo un genio poteva scrivere, a caratterizzare “La tela del ragno” è il divertimento puro. Agatha Christie si è divertita a prendere gli ingredienti tipici dei suoi gialli e a metterli in chiave ironica. Certo, c’è il cadavere, c’è l’assassino, ma tutto è incentrato sulla protagonista femminile, Clarissa. Questo personaggio dice sempre “supponiamo che” e subito si riversano sullo spettatore tantissime ipotesi, fantasie o bugie… tra le quali indubbiamente si nasconde la verità, ma dove? La fantasia di Clarissa galoppa e alla fine, in questo pandemonio di meravigliose invenzioni, essa stessa si confonde e non riesce più a capire dove finisce la verità e dove inizia la menzogna.»

"La tela del ragno" è divertimento puro, un pandemonio di meravigliose invenzioni
                  “La tela del ragno” è divertimento puro, un pandemonio di meravigliose invenzioni

Autore e regista tanto raffinato quanto versatile, Piero Nuti si è confrontato con autori e testi di ogni genere, dai classici greci a Cicerone a Goldoni, ed è uno dei pochi in Italia ad aver portato il genere “giallo” a teatro con esiti stupefacenti e grande successo. «Ma se devo fare i nomi dei giallisti più importanti, che poi sono quelli che stanno alle spalle anche di Agatha Christie, direi certamente Eschilo, Sofocle ed Euripide, capaci di ingegnare trappole teatrali meravigliose, tragiche eppure comiche, esattamente come la vita».

www.torinospettacoli.it

Piero Nuti, con Adriana Innocenti, è stato protagonista dello straordinario sucesso di "Trappola per topi" in scena dal 1999
  Piero Nuti, con Adriana Innocenti, è stato protagonista dello straordinario sucesso di “Trappola per topi” in scena dal 1999
Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Print this pageEmail this to someoneShare on LinkedIn0

Related posts