Sei qui
I pellegrini della Sindone cacciano i fachiri di piazza Castello

I pellegrini della Sindone cacciano i fachiri di piazza Castello

Dove non c’era riuscito il maltempo o il sole che picchiava sulle loro teste, dove non ci era riuscito lo scopritore del trucco, ci sono riusciti i pellegrini della Sindone.
Già, perché dopo Gesù di Torino, il disoccupato assomigliante al Cristo che elargiva abbracci gratis e chiedeva per un selfie con lui una donazione (come in fondo si fa per le immaginette sacre), ora è il turno dei fachiri di piazza Castello ad essere segnalati dai fedeli alle forze dell’ordine.
Così gli agenti della Polizia Municipale sono intervenuti questa mattina, multando e allontanando i fachiri, che ormai erano diventati un punto di riferimento dei passanti.
«Da domani andate oltre via Garibaldi», dicono i vigili ai fachiri e ai soci. Infatti a quanto pare (visto come detto che ci sono sempre stati e nessuno era mai intervenuto ad allontanarli) questa volta la segnalazione arriva proprio dai pellegrini che hanno definito indecoroso lo spettacolo, durante l’Ostensione.
A rischiare la cacciata ora è l’uomo invisibile, altro personaggio di piazza Castello.

fachiri1 fachiri2

Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Print this pageEmail this to someoneShare on LinkedIn0

Related posts