Sei qui
Sacco: “Già al lavoro per Cioccolatò 2018”. Con il sogno di una Torino polo d’avanguardia industriale sul modello di Coventry

Sacco: “Già al lavoro per Cioccolatò 2018”. Con il sogno di una Torino polo d’avanguardia industriale sul modello di Coventry

di Andrea Doi

Dopo le polemiche della scorsa settimana l’assessore Alberto Sacco rassicura il consiglio comunale che chiedeva spiegazioni su Cioccolatò, la rassegna saltata per la seconda volta in due anni. «Aspettando CioccolaTò si svolgerà nell’aprile del 2018» ha annunciato Sacco precisando che oltre ai tradizionali venditori di cioccolato saranno coinvolti anche altri settori dell’artigianato.
«E’ un evento importanta per la città e spiace che quest’anno non ci sia – ha aggiunto Sacco precisando che – da mesi stiamo lavorando per l’edizione del 2018 con l’obbiettivo di valorizzare le eccellenze del nostro territorio». E in merito alla kermesse saltata quest’anno ha precisato: «Ci sono regole e quest’anno al seconda classificata ha presentato un ricorso che ha allungato i tempi. Forse avremmo dovuto fare prima il bando».
Ma le bancarelle di cioccolato non sono l’unica cosa su cui punta Sacco per il futuro di Torino, respingendo al mittente le accuse di una città piccola e senza idee di sviluppo. Non a casa l’assessore al commercio la settimana scorsa è stato in “missione” a Coventry, assieme ai rappresentati dell’Unione industriale. Obiettivo prendere contatti con il Manifacturing Technology Center, modello di avanguardia per l’industria 4.0 che aperto nel 2011 ha ampliato i suoi orizzonti e rilanciato l’economia inglese.
L’idea, sviluppata appunto da Unione industriale, Politecnico, Università e centri di ricerca e fondazioni bancarie, ma che vuole coinvolgere anche le istituzioni locali, è quella di creare un polo torinese che sappia riconvertire le radici e vocazioni industriali di Torino attraendo nuovi investimenti e nuovi talenti. E a breve proprio Sacco potrebbe firmare un protocollo d’intesa con i colleghi inglesi per esportare il modello Coventry a Torino.

Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Print this pageEmail this to someoneShare on LinkedIn0

Related posts