Dopo il grave gesto avvenuto due notti fa, dove veniva dato alle fiamme lo striscione voluto dagli studenti dell’istituto Majorana di Moncalieri in sostegno alla senatrice a vita Liliana Segre, il corpo studentesco ha deciso di apporlo nuovamente, questa volta con la presenza della dirigenza scolastica e anche dei sindaci di Moncalieri, Paolo Montagna, quello di Nichelino Giampiero Tolardo, oltre a vari assessori e consiglieri comunali dei due comuni.

Laura Pompeo, Assessore alla Cultura: «È un’esperienza di coraggio, di impegno civile e sociale, è un esempio a cui guardare e da non dimenticare».

Di seguito il comunicato stampa:

L’Olocausto è una pagina del libro della storia dell’umanità dal quale non dovremmo mai togliere il segnalibro della Memoria.

(Primo Levi)

Oggi qui si sperimenta la parola Coraggio.

Di fronte all’espressione di inciviltà che è stato bruciare lo striscione a sostegno della senatrice Liliana Segre apposto dagli studenti ai cancelli del liceo Majorana di Moncalieri, gli stessi studenti con i loro insegnanti hanno partecipato numerosi alla manifestazione contro questo barbaro atto.

Gli studenti hanno ricollocato lo striscione, con gli insegnanti, le istituzioni e i cittadini al loro fianco.

Il valore di una comunità si vede da come questa reagisce, se non rimane indifferente.

E che sia proprio qui di fronte al luogo in cui si formano le menti e i cuori delle generazioni più giovani è un segno simbolicamente molto forte. Soprattutto per quanto riguarda la presa di posizione dai tanti studenti e dei loro docenti.

Un’istituzione che educa al rigore e al rispetto dei valori profondi, un luogo di cultura e di crescita di Persone perbene.