Sei qui
La Giunta Cinque Stelle e il gioco delle tre carte

La Giunta Cinque Stelle e il gioco delle tre carte

di Alberto Morano*

In data 24 Luglio 2017 il Collegio dei Revisori esprime il parere sulla Bozza di Delibera avente ad oggetto: “Il Bilancio di Previsione Finanziario 2017-2019 salvaguardia degli equilibri di bilancio art. 193 D.Lgs n. 267/2000” e alla pagina 3 punto 4 testualmente dichiara: “Relativamente ai debiti Ream Sgr S.P.A. pari ad € 5.000.000, oltre ad interessi dovuti, l’Amministrazione non si esprime”.

Il Parere dei Revisori viene trasmesso a mezzo posta certificata al Sindaco e all’Assessore al Bilancio alle ore 09.05 del 25 Luglio 2017 dal Revisore Maddalena Definis e viene protocollato dalla Direzione Finanziaria del Comune al n. 2853.

In data 25 Luglio 2017 la Giunta approva la Bozza di Delibera avente ad oggetto l’Assestamento al Bilancio di Previsione Finanziario 2017-2019. Alla Delibera viene allegato il parere del Collegio dei Revisori del 24 Luglio 2017.

La proposta di Delibera della Giunta Comunale surriferita unitamente al Parere dei Revisori del 24 Luglio 2017 viene, nella seduta straordinaria del Consiglio Comunale del 27 Luglio 2017, assegnata alla I Commissione per la discussione.

Il 27 Luglio 2017 alle ore 18.32 il Presidente del Consiglio Comunale riceve una mail inviata dal Collegio dei Revisori tramite posta certificata avente oggetto: “Precisazioni sulla Bozza di Delibera del Consiglio Comunale“ identificativo del messaggio BEA500EA.01B922E1.84E416FS.2583°035. posta-certificata@legalmail.it.

Il 28 Luglio 2017 in I Commissione viene discussa la bozza della Delibera della Giunta Comunale surriferita con allegato il Parere del Collegio dei Revisori del 24 Luglio 2017.

Il 31 Luglio 2017 il Presidente del Consiglio Comunale invia ai consiglieri la precisazione del Collegio dei Revisori (ricevuta in realtà dal Presidente il 27 Luglio 2017)in cui i Revisori con riferimento alla bozza di Delibera della Giunta Comunale del 25 Luglio 2017 testualmente dicono: “vista la Bozza di Delibera di Consiglio Comunale n. 2017 02739/024, il Collegio riscontra che all’Organo di Revisione viene attribuita la seguente espressione”: «In merito all’approvazione del Bilancio emendato, il Collegio si esprimeva con parere favorevole, richiedendo di riconoscere e finanziare nel Bilancio preventivo dell’esercizio 2018 la somma relativa al debito pari ad Euro 5.000.000 oltre interessi legali nei confronti di Ream Sgr Spa».

Aggiungono poi i Revisori, smentendo quanto affermato nella Bozza di Delibera che il Collegio continua a ritenere che il debito per la restituzione della caparra a Ream pari ad Euro 5.000.000 debba essere riconosciuto e finanziato nel Bilancio 2017.

Il 31 Luglio 2017 viene presentata in Consiglio Comunale dall’Assessore al Bilancio la Bozza di Delibera approvata dalla Giunta il 25 Luglio 2017 con allegato il Parere del Collegio dei revisori del 24 Luglio 2017 senza che venga fatto cenno alcuno alla Integrazione di Parere predisposta dal Collegio dei Revisori ed inviata dal Collegio dei Revisori al Presidente Versaci il 27 Luglio 2017 alle ore 18.32.

La vicenda appare inquietante. Alcune domande si impongono:

1) Perché i Revisori nel Parere del 24 Luglio 2017 hanno dichiarato che l’Amministrazione non si esprimeva sul debito Ream di € 5.000.000?

2) Perché il Collegio dei Revisori vista la Delibera licenziata dal Consiglio Comunale il 27 Luglio 2017 ha avuto la necessità e l’urgenza di formulare la precisazione surriferita?

3) Perché la precisazione del Collegio dei Revisori non è stata consegnata in I Commissione il 28 Luglio 2017?

4) Perché l’Assessore al Bilancio nel presentare il 31 Luglio 2017 la Bozza di Delibera del 25 Luglio 2017 ha omesso qualsiasi riferimento all’integrazione del Parere da parte dei Revisori?

Il 31 luglio in Consiglio Comunale ho chiesto che venissero forniti chiarimenti sul punto e venisse interrotta la presentazione della Delibera in attesa di chiarimenti.
Il Presidente del Consiglio ha preferito proseguire nella seduta.
Il timore è che al Collegio dei Revisori sia stata sottoposta una Bozza di delibera che non conteneva alcun riferimento alla vicenda Ream.

In caso contrario dovremmo pensare ad una ipotesi, invero surreale, di follia collettiva del Collegio dei Revisori che nel rendere il Parere del 24 Luglio 2017 non si accorge di una frase di ben tre righe contenuta nella Delibera in cui la Giunta non solo affronta il caso Ream, ma attribuisce al Collegio dei Revisori un parere favorevole sul punto in realtà mai espresso.

Concludo con un’amara osservazione: la vicenda, se è seria, ha contorni di rilevanza giudiziale perché nella realtà il gioco delle tre carte è normalmente penalmente perseguito.

*consigliere comunale

Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Print this pageEmail this to someoneShare on LinkedIn0

Related posts