Paradossalmente sabato Partito Democratico e CasaPound Torino potrebbero ritrovarsi in piazza insieme. Già, la manifestazione apartitica organizzata contro l’amministrazione Appendino, che si svolgerà il 10 novembre (appuntamento alle 11 in piazza Castello) potrebbe riservare delle sorprese: tra queste appunto quella che vedrebbe i militanti del centro sinistra a fianco di quelli della tartaruga frecciata.

Nessuna adesione formale, ma la voce è sempre più insistente soprattutto tra le fila della maggioranza pentastellata. Infatti, molte battaglie di CasaPound nell’ultimo anno coincidono con quelle anti-Appendino. Un esempio per tutti i No alla Ztl prolungata. Secondo i grillini infatti dietro a quella sigla ci sarebbe CPI.

D’altronde non sarebbero gli unici “di destra” presenti sabato in piazza. Infatti, nonostante non ci sarà posto per sigle e bandiere anche Fratelli d’Italia si sta dando molto da fare per questa iniziativa. Sabato scorso davanti alla prefettura tra i 500 contestatori Si Tav c’era anche la parlamentare di FdI Augusta Montaruli e il già consigliere regionale e comunale Maurizio Marrone.

Non da meno anche Forza Italia: un grosso contributo per portare gente in piazza lo sta dando anche Mino Giachino, ex sottosegretario alle infrastrutture, che ha lanciato la petizione a favore della Tav su Change.org.

Intanto è scoppiata al guerra dei gruppi social. Ne nascono in continuazione, sia da una che dall’altra parte in una sorta di gara all’acchiappa “like”. Se quello più seguito, “Si, Torino va avanti” è diventato promotore della manifestazione di sabato, altri sono stati creati sulla falsa riga.

In quelli che difendono la sindaca, come “Colpa di Chiara Appendino” si sostiene che a differenza di quanto dichiarato ai media una delle organizzatrici della manifestazione di sabato, Giovanna Giordano Peretti, sia molto vicina al Partito Democratico. A prova di questo il gruppo ha diffuso dei post della Giordano Peretti in cui nel 2016 invitava a votare per Piero Fassino al ballottaggio.

Sempre sui social gli esponenti torinese del Pd hanno lanciato l’appello per la mobilitazione di sabato: “Sabato 10 Novembre alle ore 11 in Piazza Castello a Torino si terrà una manifestazione per il Si alla Tav e per rendere pubblico il dissenso per la gestione della Città che, in questi ultimi anni di amministrazione, ci ha fatto perdere molte opportunità tra cui, la più recente, la candidatura alle Olimpiadi invernali del 2026. Si tratta di una manifestazione spontanea, senza sigle di partito, promossa da cittadini torinesi che hanno a cuore Torino e sono preoccupati per il futuro della nostra Città, davvero in difficoltà. Io parteciperò personalmente perché credo che in un momento come questo sia importante esserci. Spero di vederti in Piazza Castello Sabato 10 novembre alle ore 11 e auspico che tu, se lo ritieni, possa coinvolgere cittadini che condividono questo profondo disagio”.

Ora è da capire se anche CasaPound effettivamente, come detto, sarà della partita.

LEGGI QUI